CENTRO FISIOTERAPICO DI ECCELLENZA

PER LA CURA DELLA SCHIENA

  • Ozono terapia senza aghi
  • Poliambulatorio Moraschi - Palazzolo - Brescia
  • Esame posturale computerizzato - Palazzolo - Brescia
  • Massaggio fisioterapico - Palazzolo - Brescia
  • Fisiokinesiterapia - Palazzolo - Brescia

Trattamenti

Nell'elenco che segue alcuni dei trattamenti e terapie prestati presso il centro ambulatoriale.

Terapie effettuate nella nostra struttura

Laser

-Onde d'urto - indolore

-Ozono Terapia - senza aghi , SORAZON

-Tecar

-Seqex

-Laser

 

-Massoterapia

-Riabilitazione FKT

-Ginnastica del pavimento pelvico

-Esame Posturale computerizzato

-Ginnastica Posturale e correttiva

 

-Crioterapia

-Elettrostimolazioni

-Magnetoterapia

-T.E.N.S.

-Ultrasuoni

-Taping Neuromuscolare

-Medicina estetica



Responsabile della Fisioterapia
Dot.Moraschi Marco Fisioterapista

Tutti i nostri fisioterapisti sono DOTTORI LAUREATI IN FISIOTERAPIA

 

Tutti i trattamenti fisioterapici sono effettuati esclusivamente da personale laureato in fisioterapia ed abilitato ad eseguire Riabilitazioni e Massaggi con le modalità più consone alle patologie da trattare.

All'interno dello studio è inoltre possibile sottoporsi a tutte le più efficaci e moderne terapie fisiche.

Responsabile della Fisioterapia:
TDR Marco Moraschi


Tutti i nostri fisioterapisti sono laureati in fisioterapia

 

  • FISIOCHINESITERAPIE
  • RIABILITAZIONE Ortopedica e Neuromotoria
  • MASSOTERAPIA

 

  • TERAPIE FISICHE
  • ONDE D'URTO
  • LASER DI POTENZA ND :YAG
  • SEQEX
  • DIATERMIA " TECAR "
  • CRIOTERAPIA
  • T.E.N.S.
  • ELETTROSTIMOLAZIONI MUSCOLARI
  • ULTRASUONI
  • MAGNETOTERAPIA

Riabilitazione o chinesiterapia
Riabilitazione ortopedica e neuromotoria

Trattamenti fisioterapici per il recupero dell'articolarità e del tono-trofismo muscolare in seguito ad infortuni muscolo-articolari.

Riabilitazioni posto operatorie
Trattamenti riabilitativi per lesioni neurologiche. La chinesiterapia, definita come "l'arte di guarire che utilizza tutte le tecniche del movimento" comprende un insieme di terapie che utilizzano diversi agenti fisici (acqua, elettricità, onde, calore, ecc.) e che si completano a vicenda a seconda dell' affezione da curare.
Il campo di azione della chinesiterapia si è notevolmente esteso soprattutto negli ultimi anni; essa viene impiegata per numerose malattie, affezioni, deficienze generali o particolari e relativi postumi. Pur essendo una sola disciplina, si tende, per facilità di comunicazione, a suddividere la riabilitazione inriabilitazione ortopedica e riabilitazione neurologica.

Noi consideriamo la chinesiterapia in un ottica più vasta: il chinesiterapista non si può infatti limitare alle sole tecniche di movimento e deve poter ricorrere con cognizione di causa alle tecniche ausiliarie annesse che le permettono di ottenere la massima efficacia nel trattamento. Tutto ciò deve avvenire naturalmente in una perfetta collaborazione con il medico curante.



Tecniche di base della riabilitazione

MOBILIZZAZIONI
Le mobilizzazioni comprendono tutti i movimenti praticati volontariamente dal paziente (mobilizzazioni attive) e tutti i movimenti eseguiti da una forza esterna al paziente, ovvero il fisioterapista (mobilizzazioni passive).
Le mobilizzazioni hanno l'obiettivo,da un punto di vista articolare, di prevenire le retrazioni tendinee, da un punto di vista muscolare, di diminuire le contratture e provocare l'allungamento di un gruppo muscolare, da un punto di vista neurologico, di restituire le immagini motorie ed evitare la perdita dello schema corporeo, da un punto di vista circolatorio, di nutrire i tessuti evitando osteoporosi ed edemi da stasi.

RAFFORZAMENTO MUSCOLARE
Il termine rafforzamento muscolare o tonificazione muscolare ha il significato di incrementare o migliorare il tono muscolare. Oggi si insiste nell'impiegare il termine "rafforzamento neuro-muscolare" per accentuare le procedure di apprendimento neuro-motorio presenti in tutte le tecniche di rinforzo isotonico e isometrico.
La distribuzione preferenziale in alcuni muscoli delle fibre lente e di quelle rapide orienteranno la scelta del fisioterapista a seconda del fine prescelto nel rafforzamento muscolare: forza, velocità, resistenza o coordinazione.

GINNASTICA MEDICA
La riabilitazione si basa sul movimento: gli esercizi di ginnastica possono essere quindi impiegati vantaggiosamente durante i trattamenti terapeutici.
E' evidente che il fisioterapista dovrà scegliere ogni esercizio con cura in funzione dell'affezione da curare o della deformazione da correggere, per aiutare il paziente a prendere coscienza della posizione corretta che dovrà adottare giorno dopo giorno.

ESERCIZI FUNZIONALI
Lo scopo di tali esercizi è quello di reintegrare gradualmente il paziente alla vita di tutti i giorni e di aiutarlo a ritrovare la propria indipendenza. Per realizzare tale fase, il fisioterapista deve conoscere le possibilità di recupero del proprio paziente e sapere quali sono i gesti che dovrà e potrà fare a casa e sul lavoro. Occorre quindi insegnargli a ritrovare e coordinare i gesti ed ad esprimere la forza necessaria per ognuno di questi.
Tra gli esercizi funzionali, occorre riservare un posto di particolare importanza alla RIEDUCAZIONE ALLA DEAMBULAZIONE. Tale rieducazione termina, dopo stadi intermedi, con la vera e propria riabilitazione propriocettiva,vale a dire con l'impiego di piani instabili (tavole, tavole a dondolo, grandi palloni, ecc.).

RIALLENAMENTO ALLO SFORZO
Lo scopo di questa fase della rieducazione è quello di aiutare il paziente a recuperare il massimo delle sue forze, di insegnargli a resistere allo sforzo e a recuperare la precisione e l'efficacia del movimento, per poter quindi rispondere alle esigenze della vita quotidiana.

MASSOTERAPIA

Definizione
Nonostante la comparsa di numerose tecniche speciali, il fisioterapista non potrà mai fare a meno delle tecniche di base, spesso manuali, che permetteranno il miglior approccio con il paziente. Il massaggio è per definizione: "manipolazione dei tessuti molli a scopo terapeutico, igienico e sportivo", è parte integrante e indispensabile della cinesiterapia preparando o completando una rieducazione.
Il massaggio ha lo scopo di migliorare la circolazione sanguigna e il trofismo dei tessuti, di favorire l'eliminazione delle scorie e dei depositi di grasso; di restituire mobilità ad arti, quando muscolatura ed articolazioni siano lese. Trova largo impiego nella patologia muscolare, articolare ed estetica.

Tecniche ed effetti del massaggio
Il massaggio avrà effetti:
- sulla circolazione di ritorno (venosa, linfatica e capillare) facilitandola;
- sul muscolo modificandone il metabolismo e l'eccitabilità;
- sul sistema nervoso
- sulla cute e sui tessuti sottocutanei

Nel corso del massaggio vengono impiegate diverse manovre che, comunque, NON DOVRANNO MAI RISVEGLIARE O PROVOCARE IL DOLORE.

Manovre base del massaggio
a) sfioramento e sfregamento
b) impastamento
c) frizioni
d) tapping e clapping
e) vibrazione

Il medico o il fisioterapista dopo un'attenta valutazione del caso potranno consigliare la metodica di massaggio più corretta per la risoluzione del problema.

Bisogna infatti distinguere:
- massaggi decontratturanti e miorilassanti
- massaggi linfodrenanti
- massaggi antistress

ONDE D'URTO indolore

ONDE D’ URTO
Finalmente un trattamento “che NON provoca dolore” !

Presso questo centro è disponibile un'atrezzatura all’avanguardia per la terapia ad Onde d’Urto. “STORZ MEDICAL SD1 Ultra”

L’applicazione della Terapia ad Impulsi Extracorporei o Onde d’Urto in campo fisiatrico e ortopedico rappresenta una nuova metodica terapeutica che, in virtù della semplicità tecnico-funzionale e della non invasività, si stà rivelando come trattamento di straordinaria efficacia in diverse patologie. Nata dall’adattamento e dalla modifica degli strumenti per la terapia ad Onde D’Urto già utilizzate in Litotrissia per alcuni tipi di calcolosi renale la Terapia ad Onde d’Urto si basa sulla trasmissione di energia meccanica che si propaga nell’intima compagine cellulare sottoforma di brevi impulsi di pressione.

 

Come agisce l’Onda d’Urto?

Le onde d’urto accelerano il processo di guarigione proprio del corpo.

Si attivano le forze di auto-guarigione. Il metabolismo migliora, l’irrorazione sanguigna aumenta, il tessuto danneggiato si rigenera e guarisce.

Una nota dolente proviene dal fatto che fino ad oggi questo trattamento è sempre stato molto doloroso, ma la nuova strumentazione presente nella nostra strutturaci consente di effettuare trattamenti “ Senza avvertire DOLORE ! ".

PRINCIPALI INDICAZIONI TERAPEUTICHE

In ambito fisiatrico e ortopedico le Onded’Urto trovano indicazione in diverse patologie :

- Tendinite con o senza calcificazione

- Periartrite

- Borsite

- Spina calcaneare

- Fascite plantare

- Achillodinia (tendinite del tendine d’Achille)

- Pubalgia

- Coxalgia, Trocanterite (Anca)

- Fibrosi muscolare

- Contratture

- Epicondilite (gomito del tennista)

- Dito a scatto

- Rizoartrosi (artrosi del pollice)

- Pseudoartrosi

- Alluce valgo

- Ulcere

- Cellulite

I VANTAGGI

La terapia a Onde d'Urto ha incontrato una rapida diffusione consentendo a molti pazienti sofferenti di patologie spesso croniche di riacquistare in poche sedute il pieno recupero funzionale e sedare il dolore. Così, anche tra i pazienti la Terapia ad Onde d’Urto ha trovato rapido attecchimento per via dell’ esiguo numero di applicazioni generalmente necessario per ottenere benefici.

- Numero delle applicazioni:

. in ortopedia da 3 a 6 sedute;

. in medicina estetica anticellulite da 8 a 10 sedute.

- Ciascun trattamento dura pochi minuti (2500 colpi).

- E’ eseguibile in ambulatorio.

- L'innovativa strumentazione presente nella nostra struttura ci consente di effettuare per la prima volta trattamenti “ Senza avvertire DOLORE ! “.

 

Laser ad alto potenziale ND: YAG
Meccanismo d'azione e effetti biologici

La Laserterapia Ad Alto Potenziale ND:YAG sfrutta le particolari caratteristiche fisiche della luce Laser con lunghezza d'onda di 1064 nm. per trasferire energia ai tessuti sofferenti e ripristinare, attraverso l'effetto fotochimico, l'equilibrio energetico compromesso. La conseguente riattivazione del metabolismo cellulare induce una cascata di effetti biologici che sfociano nella remissione del dolore, la diminuzione dell'infiammazione, il riassorbimento dell'edema.

Caratteristiche ed effetti terapeutici della luce Laser nd:YAG
L'efficacia dell'azione energetica sui tessuti dipende dalle caratteristiche dell'emissione Laser utilizzata. La lunghezza d'onda di 1064 nm., prodotta dal neodimio YAG e l'elevata potenza erogata (10 Watt), assicurano la massima penetrazione in profondità dell'energia, mentre la modalità di emissione definisce l'effetto terapeutico prevalente. L'emissione continua, infatti, ha un forte effetto anti-infiammatorio, mentre quella pulsata ha un'intensa azione analgesica.

Indicazione della Laserterapia Ad Alto Potenziale nd:YAG
I protocolli sviluppati con la laserterapia ad alto potenziale nd:YAG, consentono una rapida risoluzione delle patologie più comuni nei campi: ortopedico, fisiatrico, dermatologico, reumatologico e medicina dello sport.

Indicazioni specifiche sono:
contusioni, ematomi, strappi muscolari
lombalgie, sciatalgie, miositi
lesioni superficiali provocate da trauma, piaghe da decubito, disturbi della circolazione, artrite reumatoide
epicondiliti, sinoviti, borsiti, capsuliti, tendiniti.

I vantaggi della Laserterapia Ad Alto Potenziale nd:YAG
La Laserterapia Ad Alto Potenziale nd:YAG presenta numerosi vantaggi. Non è invasiva, è completamente indolore, ed è di semplice esecuzione.

Gli effetti terapeutici si ottengono con un numero ridotto di applicazioni, ciascuna della durata di pochi minuti grazie anche all'elevata potenza di 10 Watt/1064 nm.

TECAR - Diatermia


Concetto di diatermia
Nonostante le diverse terminologie utilizzate in differenti libri di testo, già dai primi del 900 circa i concetti di Diatermia, Ipertermia e Termoterapia endogena, appare chiaro che, in ogni caso, trattiamo di campi elettromagnetici di frequenza elevata, applicata ai tessuti dell' organismo, con l'obiettivo di incrementare la temperatura interna e di conseguenza indurre i diversi effetti terapeutici. Si tratta di un'apparecchiatura che genera una corrente alternata con frequenze variabili e da un circuito di applicazione che include una coppia di elettrodi.
Gli elettrodi possono essere di differenti tipi:
elettrodi metallici, dove il metallo è direttamente a contatto con il corpo (RESISTIVO);
elettrodi metallici isolati, dove il metallo, grazie all'isolante, non rimane a contatto diretto (CAPACITIVO).

Effetti Biologici
Mentre il calore prodotto dall'esterno ha evidenziato effetti benefici ma anche controindicazioni terapeutiche, l'incremento endogeno della temperatura MAI GENERA EFFETTI COLLATERALI.
A tale proposito sottolineiamo come il paziente, nei primi minuti di applicazione, nonostante la potenza erogata, può non avvertire sensazioni di alcun tipo, tanto meno stimolazioni muscolari e nervose.
In altre parole con l'effetto condensatore non si applicano correnti stimolanti esterne, come per esempio negli elettrostimolatori, bensì si mettono in condizione le correnti interne del corpo umano, di riprendere la loro fisiologica capacità (moti Browniani).

L'attività biologica della corrente si estrinseca pertanto attraverso due modalità:
1- Effetto energetico, con cessione di energia al tessuto biologico intra ed extracellulare con trasformazione dell' ADP in ATP;
2- Effetto termico, determinato dall'urto degli ioni fra loro con conseguente iperemia locale che determina un incremento del flusso sanguigno con aumento della richiesta di ossigeno e di nutrienti. Oltre all'effetto di biostimolazione, si assiste ad un incremento locale e riflesso della circolazione arteriosa e ad un importante azione di drenaggio venoso e linfatico.

L'effetto biologico si traduce in:
Miglioramento dell'afflusso arterioso
Miglioramento del deflusso venoso linfatico
Miglioramento dell' equilibrio di membrana
Aumento del metabolismo

Fenomeni biologici prodotti nei tessuti
Appare evidente come nel momento in cui riportiamo alla fisiologica funzione la cellula ed il suo microambiente, le indicazioni di trattamento diventano le più varie.
Si utilizza in particolare per il riequilibrio energetico delle seguenti situazioni:
Processi infiammatori cronici e/o degenerativi di ogni tipo di apparato
Squilibri reumatici
Nevralgie
Squilibri vascolari
Squilibri dermatologici
Squilibri inerenti la medicina estetica

L'applicazione sui tessuti avviene per mezzo di elettrodi differenti che si modellano alla superficie del corpo. Gli elettrodi attivi creano un campo elettrico all'interno dei tessuti che viene direzionato da placche (elettrodi) passive il cui compito è per l'appunto di ricevere l'onda attivata dall'elettrodo attivo.

PATOLOGIE TRATTATE
Epicondiliti, epitrocleiti, tendiniti, periartriti e periartriti calcifiche della spalla, coxartrosi, gonartrosi, pseudoartrosi fasciti plantari, spina calcaneare, alluce valgo, strappi e stiramenti muscolari, pubalgie, rizoartrosi, tunnel carpale, dito a scatto, ecc

POLIAMBULATORIO MORASCHI | 1, Via Mons. Zeno Piccinelli - 25036 Palazzolo Sull'Oglio (BS) - Italia | P.I. 02561240983 | Tel. +39 030 7401541 | Fax. +39 030 7401541 | fisiomoraschi@gmail.com | Informazioni legali | Privacy | Cookie Policy | Sitemap
Powered by  Pagine Gialle  -  SmartSite Easy